4/3/2016 - Backup Remoto contro Cryptolocker: 1-0

Quando ti becchi uno di questi ramsomware , tutti i file documento del tuo computer possono venire criptati e resi di fatto inutilizzabili. L'hacher ti chiede un riscatto di diverse centinaia di dollari, in cambio della promessa di restituzione dei tuoi file compromessi. Purtroppo nela maggior parte dei casi, dopo aver pagato, non ottieni nulla.

Mai come in questo caso vale la regola che "la miglior difesa sia la prevenzione".
Non basta più avere un backup dei documenti su un disco usb esterno.
Infatti, se questo rimane sempre acceso e collegato al pc, è molto probabile che venga simultaneamente compromesso.
La soluzione migliore è quella di abbinare al backup locale un Servizio di BackUP Remoto in cloud, al di fuori della sede aziendale, presso un Provider locale facilemnte raggiungibile come Xtranet.

Le vittima del ricatto può essere chiunque, il singolo come l'azienda.
Il cryptolocker viene spesso inviato mediante email con allegati che traggono in inganno il destinatario, ma recentemente alcuni criminali sono riusciti a includere il ramsomeware in banner pubblicitari su siti di informazioni del Regno Unito col risultato di infettare migliaia di utenti.

Questa particolare forma di malware è cresciuta molto dal 2015, anche grazie al moltiplicarsi di gruppi criminali che affittano servizi completi di ransomware a chi decide di gestire in proprio le campagne di estorsione informatica.
Diverse Agenzie ed Enti per la Sicurezza si sono alleate per fare fronte comune, ed è stata lanciata un’operazione su scala internazionale, di cui fa parte anche l'FBI, che ha recuperato milioni di chiavi di cifratura.